Un piccolo cambiamento

Cammino, un po’ trafelato, di sicuro soprapensiero.

Entro nel porticato della via.

L’ufficio postale è tra pochi metri sulla destra.

“Andria!”

Nessuno mi chiama col mio nome in Sardo, nemmeno in Sardegna, ma sono sicuro che stanno chiamando me.

Mi volto.

La vedo.

Mi viene subito in mente che il mio nome si pronuncia cosi’ anche in Arabo.

Ci salutiamo.

Cazzo e` ancora Agosto anche se sembra fine Settembre ed e` copertissima. Riesco solo ad immaginare il burka come indumento più coprente.

Il suo bel velo azzurro lascia solo l’ovale del volto scoperto.

Ci salutiamo con molto affetto, mi fa piacere vederla.

Quello che ha da dirmi però non mi piace molto.

Si trasferiranno, non saranno più i nostri vicini.

Veramente sono già andati via mentre eravamo in vacanza e termineranno il trasloco a giorni…

Saremo un po’ più soli in questo condominio di stronzi.

Ci congediamo promettendoci di salutarci come si deve, cosa che in effetti avverrà nelle settimane seguenti.

Annunci