Ai musei! Prima Parte

Eccoci qui, entriamo in macchina a monte Sirai.

Leggendo sul biglietto integrato per le 3 visite sembra ci sia tempo per andare a Carbonia al museo Martel, museo paleontologico.

Sembra chiuda alle 20 e sono poco più delle 18:30.

I bambini spingono perché vogliono vedere il TRex.

Andiamo dai.

Mi sono fatto spiegare la strada dalla guida e trovo subito il museo.

È in un sito post-minerario a Serbariu.

Provo ad entrare ma sta chiudendo, in realtà chiude alle 19.

Benissimo ci torneremo l’indomani.

Guarda caso Merylyn il giorno dopo sta male e adesso mi trovo da solo.

Va bene, mi dico, in fin dei conti credo di farcela e mi dispiacerebbe non andarci.

Si va.

La guida è lo stesso ragazzo della sera prima.

Si presenta anche la ragazza che ci ha guidato a monte Sirai ma non è lì a far da guida.

Iniziamo la visita e la guida non è bravissimo ad intrattenere i pargoli ma io sono interessatissimo, lui però non si dilunga e la cosa mi lascia un pò perplesso.

Tempo cinque minuti e sparisce, sono arrivati altri visitatori, 2 famiglie con prole da Roma.

Allora li accoglie e riparte questa volta visita guidata ma per una decina di persone.

Scopro cose interessantissime sulla paleontologia sarda e ne sono entusiasta.

Possiamo osservare e toccare dei campioni di roccia e c’è anche l’immancabile Ossidiana di Monte Arci, che insomma conosco da quando ero piccolo piccolo, tante le volte che ci sono andato…

La Sardegna non era attaccata all’Italia ma alla Francia e ciò è comprovato dal fatto che il suo sottosuolo non assomiglia per niente a quello italiano.

Sardigna non est Italia!

Eheh! Mica è uno slogan è una verità storica, anzi addirittura preistorica!

Beh i bambini fanno amicizia e cominciano a giocare…

Questi bimbi romani sono simpatici, meno male.

Eccoci nella sala del T-Rex.

DSCF2976

Si tratta di una ricostruzione, non è stato ritrovato in Sardegna.

Poi c’è qualche altro resto di mammiferi, un elefante.

Ritrovato a Gonnesa mi pare…

DSCF2970Inoltre anche scheletri e ossa di roditori ed esseri umani.

Poi saliamo al piano superiore dove ci sono altri reperti.

Fossili, principalmente.

Beh qui ci sono anche degli insetti nell’ambrosia.

Sotto ciascuno di essi vi è un cartellino esplicativo, in Italiano e in Inglese.

Bene uno recita “bugs… ecc… ecc…” insomma dico a Gugu “Hai visto qui ci sono dei baccherozzi”.

C’è vicino il più grande dei ragazzini romani e inizia a dire una cosa di questo tipo: “A papà sto signore ha detto che qua ce stanno i baccherozzi…”

Beh affrettiamoci che la visita è finita.

Usciamo che dobbiamo andare a far spesa per il pranzo mamma sta  male…

🙂

9 Ottobre 2014

Piove piove piove.
Da tempo vado in giro con la giacca.
Stagione perfetta per gli asociali e i depressi, peggio dell’autunno c’e` solo l’inverno.
Ma si puo` avere simpatia per il periodo dell’anno che si porta via le giornate lunghe e la vita all’aperto?
Gli animali intelligenti se ne vanno in letargo. Noi no, beh siamo stupidi.
Alla fine comunque buon cmpleanno, e` oggi il mio.