Mi mancano i maiali

Non sono ancora le otto del mattino.

E` una di quelle odiose giornate autunnali, come se fossimo gia` a Novembre, con un vento fastidioso che abbassa la temperatura e impone la necessita` di vestire una giacca sopra la felpa primaverile, quella bianca con la felce della Nuova Zelanda.

Scendo le scalette della mulattiera mentre alla radio inizia il ruggito del coniglio.

Frotte di adolescenti vanno a scuola, chi alle medie inferiori chi alle superiori.

Scendo ancora, mi avvicino al mare.

Ho visto Jimmy della collina ieri, bello, secondo me Jimmy si butta alla fine, col cazzo che la fa quella vita di merda di galera dentro e fuori.

Entro nella zona pedonale, ma, sporadico, qualche mezzo passa lo stesso, sono residenti.

Nella via del consiglio comunale ci sono i lavori, stanno rifacendo il pavimento, stanno posando le prossime pietre.

Torno in mezzo al traffico e attraverso la via piu` centrale, quella dello shopping modaiolo e dei fastfood americani, sento alla radio gli aneddoti degli ascoltatori, c’e` quello di una che si e` fatta un intero viaggio in aereo con la puzza dei piedi del vicino che si era tolto le scarpe accanto a lei.

Mi verrebbe quasi da vomitare ma tanto non e` peggio di una giornata di lavoro che e` quello che mi aspetta.

Non mi fermo se non ai semafori.

Sono in zona ufficio, di fronte ad una delle tante chiese c’e` una gru mobile, un carrello e uno scooterista che la fotografa.

Di fronte al sagrato ci sono degli alberi, in questa citta` li abbattono tutti per fare parcheggi, ma, calma, questa e` zona libera dall’IMU. Uno zeta sette e mezzo arancione e` posteggiato sotto un albero di questi, sara` del parroco o di uno che si e` fatto furbo?

C’e` un mendicante con un cappello che protegge le orecchie dal freddo e un bastone che aspetta la gente che esce dalla chiesa…

Attraverso questa strada di merda, qui c’era un cinema ora c’e` una sala Bingo e` un posto che mi sta sul cazzo a prescindere.

Faccio un paio di tagli per viottole secondarie e sono qui, entro nel palazzo, eccomi.

Sono 4 chilometri non la migliore delle passeggiate ma da quest’anno ho deciso di farla almeno una volta alla settimana. Cosi’, per disintossicarmi.

Ma mi mancano i maiali. Quelli che vedevo quando vivevo ancora dai miei, in campagna, quando scendevo a piedi verso la valle…

Eppure quella era aria buona.

Annunci

Lascia un commento. Scrì innoi su chi oisi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...