Non posso nemmeno picchiarli

C’era il solito quintale di notizie orrende, ma ero rimasto colpito da questa.
L’anno prima avevo visto un bellissimo, drammatico e commovente documentario in televisione, al programma di Robecchi e parlava di quello.
Così la mia mente viaggiava come quando leggevo un romanzo di Maggiani, io romanzi ne leggo molto pochi preferisco la saggistica. Ero intrappolato dalla mia immaginazione.
Creavo una vita alla vittima ed ai suoi cari e mi tormentava la violenza di un mondo che li aveva condannati sin dall’inizio: questa violenza, questo mondo.
Nato aldilà di un confine e non sei più un essere umano.
Tutti quei bravi cittadini che odiano i poveri, ce li ho in faccia tutti i giorni e non posso nemmeno picchiarli.

Annunci

Lascia un commento. Scrì innoi su chi oisi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...