Srotolava la giacca

Srotolava la giacca per metterla nella borsa e pensava a quanto caldo stesse facendo.
Non molto a dir la verità la temperatura era al di sotto della media.

Nel libro di Pino Aprile si parla dell’invenzione del terrone. Come sia stato plasmato, da uno sconfitto, l’italiano meridionale, al terrone.
Quell’immagine gli veniva in mente ora, in particolar modo, pensava al passaggio sulla vendemmia.
Che noi tutti siamo stati abituati alle elementari a considerarla situata nel momento in cui si fa in Piemonte, ma suo nonno vendemmiava prima e cosí era da secoli.

  • Possibile che arrivino i savoia e la nostra vendemmia non vale più? Sia in anticipo?
  • Ma perché poi?
  • Non si dovrebbe vendemmiare quando l’uva matura?

Cosí pensava che fosse a dir poco curioso che non esista il contrario della parola freddoloso: caldoloso non c’è.
Sentiva il sole sulle sue braccia, lo considerava tiepido, insomma non di molto sopra ai 20.
Eppure è normale soffrire il freddo, l’uomo è nato in Africa non ha il pelo dell’orso polare.
Ma non è l’uomo africano che ha vinto, adesso c’è l’uomo occidentale, che è evoluto, colonizzatore, civilizzatore.
Insomma un bel pezzo di merda razzista, che si serve e si è sempre servito di tutte le armi di cui disponeva per occidentalizzare tutto, anche se stesso.
La più potente di tutti è proprio il linguaggio.

Cosí era freddoloso, cosí come suo nonno che vendemmiava presto e quel terrone del suo vicino calabrese.

Il linguaggio ti fotte, per questo serve saperlo usare bene, altrimenti verrà usato su di te.

Annunci

One thought on “Srotolava la giacca

Lascia un commento. Scrì innoi su chi oisi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...