Una cosa inutile

Era lí con la sua faccia da porco.

Sí, con quel suo bel ghigno di uomo arrivato.

Ma non mi aveva parlato di Arcipelago Gulag.

Pensavo chi se ne frega segna questo 30 e non ci penso più.

Invece ci ho pensato, perché poi aveva vinto lui.

Mi ero vestito bene, no la cravatta no, non la so mettere ancora oggi, non la so annodare.

Avevo fatto una cosa, la prima volta, un compromesso con chi era più forte di me.

Non mi era piaciuto.

Ingoiarsi righe e righe di cazzate sulla macroeconomia e il monetarismo e tutto un impianto che dopo Analisi 2, diciamocelo, non stava in piedi nemmeno col cemento chimico.

Era solo una cosa inutile.

 

Annunci

Lascia un commento. Scrì innoi su chi oisi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...